Scelte alimentari e fake news: il corso per giornalisti organizzato da UNC

Redazione UNC
24 Maggio 2019
Condividi su:
Comunicare i temi del food senza dare spazio alle fake news: è questo l’obiettivo posto durante il Corso di formazione per giornalisti “Consumatori tra scelte alimentari e fake news”, organizzato dall’Unione Nazionale Consumatori in collaborazione con Assitol, Assolatte e Unaitalia, tre associazioni di categoria che rappresentano le industrie attive in Italia nei settori oleario, lattiero caseario ed agroalimentare delle carni e delle uova. Infatti si è tenuto il secondo appuntamento del percorso didattico intrapreso dall’Unione Nazionale Consumatori indirizzato agli operatori dell’informazione. Protagonisti della mattinata formativa sono stati diversi esperti, tra medici e docenti universitari, che hanno affrontato il tema della disinformazione e delle false verità che circolano attorno agli alimenti centrali della dieta mediterranea: olio d’oliva, latte e derivati, uova e carni bianche. Scarica il programma del Corso La corretta informazione sui temi dell’alimentazione è fondamentale nell’attività di UNC. Non solo la nostra associazione si rivolge ai cittadini con pubblicazioni cartacee e digitali utili per orientarsi nel mercato del food (per citare alcune delle più recenti guide scaricabili gratuitamente sul nostro sito:  “Olio Extra Vergine d’Oliva, un tesoro da custodire” e “Latte e derivati, la guida per sfatare le false credenze”), ma è da sempre attiva con programmi di educazione alimentare nelle scuole. Per dare ai consumatori le corrette informazioni e smentire le fake news è fondamentale il ruolo di giornalisti e comunicatori che devono avere gli strumenti per riconoscere la verità rispetto alla diceria, soprattutto quando è in gioco la salute dei consumatori; ancor di più  in un momento come questo in cui si parla tanto di food su tutti i canali di informazione e c’è una nuova sensibilità verso questi temi, purtroppo non sempre accompagnata dalla giusta consapevolezza, i professionisti della comunicazione sono chiamati a maggiore senso di responsabilità. Autore: Silvia Mosca
Data: 24 maggio 2019
Condividi su: