La protezione del consumatore on-line

Per fornire ai consumatori le informazioni adeguate per acquistare sul web in sicurezza, l’Unione Nazionale Consumatori ha realizzato, nell’ambito del Progetto “E-commerce e tutela del consumatore digitale” (finanziato dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ai sensi del Dl 383/2000-linee di indirizzo annualità 2013), alcuni focus sulle principali aree di interesse legate agli acquisti on-line. Dopo un primo approfondimento sul rapporto del consumatore con l’e-commerce, parliamo questo mese delle tutele per il consumatore, con particolare riferimento al Decreto legislativo n.21 del 21 Febbraio 2014 (che recepisce la direttiva europea 2011/83).

La nuova direttiva, entrata in vigore lo scorso giugno, garantisce ai consumatori maggiori informazioni e sicurezza nelle vendite a distanza attraverso garanzie sul consenso all’acquisto, sull’oggetto del contratto, sul prezzo e sul diritto di recesso.

Grazie a una regolamentazione più attenta, quindi, i consumatori hanno maggiori garanzie di sicurezza per i servizi apparentemente gratuiti: al momento dell’acquisto devono, infatti, confermare esplicitamente di avere compreso che l’offerta è a pagamento. Se per confermare un ordine, ad esempio, è necessario un click su un pulsante o un link, questi devono indicare chiaramente che con tale conferma il consumatore si obbliga a pagare una somma di danaro (dovrà esserci una scritta del tipo: “ORDINE CON OBBLIGO DI PAGARE”); in caso contrario, il consumatore non è vincolato al contratto o all’ordine e, dunque, non è obbligato a pagare.

Sono vietati, inoltre, quegli antipatici meccanismi delle caselle “prespuntate”, secondo i quali è il consumatore a dover rifiutare espressamente la prestazione che altrimenti si intende tacitamente richiesta o accettata.

Per quanto attiene ai prezzi, secondo la direttiva, devono essere espressi in modo chiaro e completo: i venditori devono chiarire il costo totale del prodotto o servizio offerto, comprensivo di qualsiasi costo aggiuntivo.

Una volta acquistato il bene o il servizio, inoltre, i consumatori hanno 14 giorni per ripensarci ed esercitare il diritto di recesso: nel caso di contratti di vendita il termine decorre dal giorno in cui il consumatore ha ricevuto il bene; per i contratti di servizi, invece, dal giorno della conclusione del contratto. Se il professionista non fornisce al consumatore le informazioni sul diritto di recesso, il termine per esercitare quest’ultimo si estende a un anno e 14 giorni. In caso di violazione degli obblighi informativi il consumatore non deve sostenere neppure il costo diretto di restituzione dei beni.

Se il consumatore esercita il diritto di recesso, dovrà ricevere il rimborso di quanto pagato entro i 14 giorni successivi, con lo stesso strumento di pagamento utilizzato per acquistare il bene o il servizio (per esercitare il diritto di recesso, si può utilizzare un modello standard, valido per tutti i paesi europei, ma è valida qualsiasi altra forma di espressione della volontà di recedere).

Il consumatore che recede dal contratto ha l’obbligo di restituire la merce a meno che il professionista abbia offerto di ritirare egli stesso i beni. Il consumatore restituisce i beni o li consegna al professionista entro 14 giorni dalla data della comunicazione contenete la volontà di voler recedere; i costi di restituzione dei beni sono a carico del professionista nel caso in cui lo abbia espressamente concordato o nel caso in cui abbia omesso di informare il consumatore che tale costo è a suo carico.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 23 febbraio 2015

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

luciano

54 min ·
Buon Giorno . Mi chiamo Luciano Severini. Ho un abbonamento con Wind. Premetto che io ho una grave forma di disabilità soprattutto agli arti inferiori. Sono continuamente soggetto al pericolo di devastanti cadute. DUNQUE PER ME AVERE IL CELLULARE COSTANTEMENTE RICARICATO è FONDAMENTALE PERCHè IN CASO DI CADUTA POSSO CHIAMARE UNA AMBULANZA OPPURE UN PARENTE. OPPURE UN VOLONTARIO CHE ASSISTE NOI DISABILI. Ma da un periodo a questa parte , quando esco con la mia sedia a rotelle elettronica per andare alla Wind a ricaricare il mio cellulare , mi trovo sul dispay del mio telefonino la conferma di avvenuta ricarica. Di solito ricarico di 25€uri. Purtroppo dopo un po di tempo mi arriva un altro SMS con scritto : . È già la seconda volta che mi succede !! Praticamente sono isolato ! ! Se cado e mi faccio male come posso chiamare i mie parenti oppure il personale MEDICO E PARAMEDICO CHE MI PRESTA ASSISTENZA ? ?? – Guardando con maggiore attenzione ho letto sul mio telefonino che questo “servizio” da me non richiesto si chiama PLAYOO. Per disdire questo “servizio” PLAYOO ho chiamato al numero di riferimento facente capo a questo PLAYOO : 0689970402. Mi ha risposto un disco con una parlantina infinita. Parole su parole all’infinito ma nessun collegamento diretto con un qualche operatore. Oggi alle ore 17.40 ho chiamato il il numero Wind 155 per la DISATTIVAZIONE DISATTIVAZIONE TOTALE e DEFINITIVA DEI SERVIZI IN SOVRAPPREZZO ma non mi ha risposto nessuno. Ho provato a chiamare il negozio Wind qui in Corso Alessando De Stefanis (Genova) , dove ho fatto il contratto e dove faccio buona parte delle mie ricariche , ma non mi ha risposto nessuno. HELP ! HELP ! HELP !! C’è QUALCUNO DISPOSTO AD AIUTARMI A DISATTIVARE TOTALMENTE E DEFINITIVAMENTE QUESTI SERVIZI IN SOVRAPPREZZO ?? ? GRAZIE ! !!

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno signor Severini purtroppo, nonostante diverse società di servizi a pagamento sono state condannate dall’Autorità della Concorrenza e del Mercato, ancora oggi riceviamo numerose segnalazioni per attivazioni di servizi non richiesti.
Entrando nel merito della sua segnalazione le consigliamo di inviare un reclamo scritto, tramite raccomandata A/R, al suo operatore telefonico contestando l’accaduto e chiedendo il rimborso della somma ingiustamente addebitata. Tenga presente che è possibile chiedere il rimborso per i servizi non richiesti relativi ai sei mesi precedenti il reclamo.
Decorsi 30 giorni, in caso di mancato riscontro al reclamo ovvero questo non fosse soddisfacente potrà presentare domanda di conciliazione presso il Co.Re.Com della sua regione di appartenenza.
Tuttavia se manda un’email a telefonia@consumatori.it, i nostri esperti proveranno a darle una mano. Grazie.

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Grazie a tutti per i commenti al nostro articolo. Ricordiamo però che questo spazio non è destinato all’assistenza; per avere la consulenza personalizzata dei nostri esperti è possibile contattarci sulla nostra home page attraverso lo sportello E-commerce (per acquisti on-line) o lo sportello generico (acquisti off-line). Grazie!

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2017 Unione Nazionale Consumatori
© 2017 Unione Nazionale Consumatori