Uova: l’etichetta più completa

uova12Le uova hanno l’etichetta più completa, grazie alla quale i consumatori posso scoprire numerose informazioni sul prodotto che portano a tavola.

Se sull’uovo è stampigliata la sigla 1IT significa che è di un allevamento di galline all’aperto, mentre 2IT è un allevamento a terra, 3IT nelle gabbie e OIT è biologico. Le suddette sigle sono obbligatorie sulle uova, mentre sull’imballaggio sono obbligatorie le diciture “uova da allevamento all’aperto”, “uova da allevamento a terra”, “uova da allevamento in gabbie”, oppure “uova da agricoltura biologica”. E’ altresì obbligatorio, sia sulle uova sia sugli imballaggi, il codice distintivo del produttore, anche se si tratta di uova vendute direttamente dal produttore al consumatore finale, con eccezione di quelle provenienti da produttori con meno di 50 galline. Il codice è rilasciato dalla ASL competente per territorio.

La dicitura “extra” o “extra fresche” è ammessa soltanto se sull’imballaggio è indicata la data di deposizione (cioé quando la gallina ha fatto l’uovo) e il termine di 9 giorni dalla suddetta data, trascorsi i quali l’uovo non è considerato più extra fresco, ma soltanto fresco (categoria A). Sulle uova e sugli imballaggi è possibile inoltre apporre diciture e/o simboli relativi all’origine, purché tale origine sia rilevabile dal codice distintivo del produttore. A titolo di esempio, il codice 3IT001191TO036 significa:
- il numero iniziale 3, come si è detto, indica che è un allevamento di galline in gabbie;
- IT che si tratta di un allevamento italiano;
– 001191 è il codice Istat del Comune nel quale è situato l’allevamento; in questo caso è Pinerolo e, volendo, i codici Istat dei Comuni si possono trovare su Internet, ma non ha molta importanza perché c’è la provincia;
– TO, infatti, significa che l’allevamento sta in provincia di Torino;
– 036 è il numero identificativo dell’allevamento e al consumatore non interessa.

L’etichetta delle uova è forse la più completa che esista. Infatti, altre diciture che si possono apporre (facoltative) riguardano il tipo di alimentazione somministrata alle galline, alle seguenti condizioni:

a) i cereali possono essere indicati come ingredienti dei mangimi solamente se costituiscono almeno il 60% in peso della formula del mangime, che può comprendere al massimo il 15% di sottoprodotti di cereali;
b) qualora sia fatto riferimento ad un cereale specifico, esso deve rappresentare almeno il 30% della formula del mangime utilizzato mentre, qualora sia fatto riferimento a più di un cereale, ciascuno di essi deve rappresentare almeno il 5% della formula del mangime.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 12 gennaio 2015

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
arnaldo

Buongiorno, vorrei sapere perché è così difficile nella GDO trovare uova da consumo cod. 3 IT. Mi sembra poco democratico da parte delle catene della GDO negare la possibilità al consumatore di scegliere le uova che preferisce, e non che gli vengano imposte (solo codici 2IT,1IT,0IT). Capisco bene anche che facendo cosi (vendendo uova più care rispetto alle 3IT prodotte a norma di legge) il supermercato ha una maggior resa al mq a fine anno, e non per scelta etica. Non mi sembra giusto !! Bisognerebbe dare la possibilità di vera scelta al consumatore, e pretendendo che vengano esposte sul banco per legge. La GDO sta indirizzando/obbligando i consumatori su quello che conviene a allo stesso. Si comincia con le uova e si potrebbe andare su un’infinità di prodotti…. Attendo un vostro parere. Cordiali saluti, Arnaldo

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Gentile signor Arnaldo, le riporto la risposta del nostro Responsabile di sicurezza alimentare Agostino Macrì:

“”Gentile sig. Arnaldo, le uova con codice 3 IT provengono da galline allevate in gabbie. Questo tipo di allevamento, pur essendo consentito nel rispetto di condizioni compatibili con la vita delle galline, non è gradito a gruppi di cittadini sensibili al benessere degli animali. La conseguenza è che le aziende produttrici stanno modificando l’organizzazione degli allevamenti e la GDO preferisce evitare contenziosi con gli agguerriti animalisti che se trovano in vendita le uova 3 IT potrebbero creare qualche problema che alla fine nuocerebbe all’immagine della GDO. Riteniamo quindi che il problema principale non sia il fattore economico, quanto e soprattutto il desiderio di non avere fastidi. Cordiali saluti”.

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online