Richiedere un prestito: le soluzioni per i consumatori

prestito

Per richiedere un prestito nel caso del credito ai consumatori le tipologie più diffuse proposte dalle banche o dalle società finanziarie autorizzate sono quattro: il prestito non finalizzato, l’apertura di credito in conto corrente, il prestito con carta di credito revolving e il prestito finalizzato. Ecco una scheda utile per conoscere le caratteristiche di ognuna di queste tipologie di prestito.

Prestito non finalizzato

In questa categoria rientrano il prestito personale, il prestito con cessione del quinto dello stipendio o della pensione e il prestito delega.

– Per ottenere un prestito personale non è necessario giustificare le ragioni della richiesta. Il finanziatore versa la somma al consumatore in un’unica soluzione e il consumatore la restituisce a rate.

– Per quanto riguarda il prestito con cessione del quinto dello stipendio o della pensione, il datore di lavoro o l’ente previdenziale trattengono la rata dallo stipendio o dalla pensione e la versano alla banca.

– A differenza dei pensionati, i dipendenti possono inoltre fare richiesta del prestito delega. In pratica, possono chiedere una rata più alta del quinto del proprio stipendio, pari al massimo a due quinti (si tratta della cosiddetta doppia cessione del quinto). La soglia di due quinti può essere ulteriormente elevata ma non oltre un valore che superi il 50% dello stipendio. Per garantire entrambe le parti (consumatore e banca), viene stipulata una polizza assicurativa per coprire il rischio di morte e/o di perdita  dell’impiego del debitore. Il datore di lavoro è tenuto ad aderire alla cessione del quinto mentre è libero di aderire o meno alla delegazione di pagamento.

Apertura di credito in conto corrente

Nel caso dell’apertura di credito in conto corrente, la banca si impegna a mettere a disposizione una somma sul conto corrente del cliente per un importo massimo prestabilito. Per avere la somma a disposizione il cliente paga alla banca una commissione, mentre sulle somme utilizzate paga gli interessi indicati nel contratto.

Prestito con carta di credito revolving

Una formula di prestito molto diffusa è rappresentata anche dalle carte di credito revolving. Con questo tipo di carta di credito, il consumatore riceve una linea di credito (solitamente tra 1.000 e 2.000 euro) che può utilizzare per fare acquisti o per prelevare denaro liquido. Si tratta però di una soluzione non conveniente in quanto il prestito ottenuto consenta spese progressive e deve essere rimborsato a rate e con tassi di interesse spesso molto alti. 

Prestito finalizzato

Per ottenere un prestito finalizzato (o “credito collegato”) occorre specificare l’utilizzo che si intende fare della somma richiesta. Ad esempio, nel caso dell’acquisto di una macchina a rate, il consumatore può ottenerlo direttamente dal venditore che ha una convenzione con una o più banche o società finanziarie. Solitamente è il venditore a definire le condizioni dell’erogazione del prestito concordando con l’acquirente dell’auto il valore delle rate mensili e le tempistiche di pagamento. È bene ricordare che in questa operazione il consumatore deve essere messo a conoscenza degli interessi che dovrà pagare su ogni singola rata. Un altro esempio di prestito finalizzato è il cosiddetto “prestito d’onore” destinato agli studenti meritevoli in condizioni economiche disagiate.

Chi richiede ed ottiene questo prestito non ha l’obbligo di pagare alcun interesse e deve restituire la somma ricevuta entro cinque anni dal completamento degli studi. 

In ogni caso, quando un finanziamento è “credito ai consumatori” la legge prevede particolari tutele che è bene conoscere. Se vuoi approfondire, leggi questi articoli:

Credito al consumo: come ottenere un prestito

Prestiti personali: quanto costa ottenere un finanziamento?

Autore: Rocco Bellantone
Data: 3 gennaio 2018

 

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online