Notaio scorretto: vittoria dei legali dell’Unc

Redazione UNC
2 Marzo 2015
Una bella vittoria per i legali dell’Unione Nazionale Consumatori: nei mesi scorsi, la V Sezione Collegiale del Tribunale Penale di Roma ha condannato il notaio Pasquale Cordasco a 6 anni di reclusione, oltre all’interdizione perpetua dai pubblici uffici. Il notaio, infatti, nonostante fosse stato colpito dal provvedimento disciplinare della sospensione da parte della Consiglio Notarile di Roma, ha curato, tra gli altri, anche il rogito relativo ad una compravendita immobiliare di un consumatore, seguito dai legali della nostra associazione. “Trattandosi di acquisto di prima casa -spiega l’avvocato Giulia Radice, che ha seguito il caso- l’acquirente doveva versare una somma di denaro a titolo di deposito fiduciario presso il notaio rogante. La legislazione in materia di acquisto di prima casa, infatti, prevede che, nel caso in cui lo stesso immobile venga rivenduto entro un triennio dal suo acquisto, l’acquirente debba versare una somma pari alla differenza di imposta dovuta per la decadenza dalle previste agevolazioni fiscali. Quando, tuttavia, il consumatore ha contattato il notaio per avere indietro la somma lasciata in deposito fiduciario e poterla così versare all’Agenzia delle Entrate, ha scoperto che il professionista si era reso irreperibile, costringendolo ad una denuncia presso la Procura della Repubblica del Tribunale di Roma”. “E’ importante precisare -aggiunge l’avvocato Fabrizio Fagioli che pure ha seguito il caso- che, nell’ambito della condanna ottenuta, il Tribunale ha riconosciuto al consumatore la provvisionale, relativamente alla somma lasciata in deposito fiduciario, in modo da facilitarne l’immediato recupero. Lo stesso Tribunale, infine, ha ammesso al consumatore anche il diritto al risarcimento del danno subito, in conseguenza dell’ illecita condotta del notaio”. Ricordiamo ai consumatori che avessero problemi del genere che possono scriverci attraverso il nostro sportello Segnalazioni; i consulenti dell’associazione sono a diposizione degli iscritti anche per le controversie che riguardano i notai. Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 2 marzo 2015
Condividi su: