Chiamate indesiderate, ok al prefisso unico e ora?

 

Novità sui call center: l’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni ha individuato il prefisso unico per i call center, ossia il prefisso che distinguerà le telefonate di pubblicità, vendita e comunicazione commerciale dalle altre. Sarà lo 0844. Per le telefonate finalizzate, invece, ad attività statistiche sarà lo 0843.

In realtà la questione non è del tutto risolta, in quanto la legge n. 5 dell’11 gennaio 2018, entrata in vigore il 4 febbraio all’art. 2, prescrive che i call center debbano provvedere ad adeguare tutte le loro numerazioni telefoniche utilizzate per i servizi di call center entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore del provvedimento dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni, ma poi consente un’alternativa: “oppure presentano l’identità  della linea  a  cui  possono  essere  contattati“.“ Il timore più che fondato, insomma, è che l’alternativa, diventi la regola generale!

COSA PREVEDE LA LEGGE

Il 4 febbraio è entrata in vigore la norma sulle chiamate indesiderate, anche se gli effetti previsti dalla legge non si sono ancora concretizzati. Vediamo intanto che cosa prevede questo testo che, con tutti i suoi limiti, dovrebbe mettere comunque un freno al telemarketing aggressivo:

  • potenziamento del registro delle opposizioni grazie all’introduzione di numeri di telefonia mobile (in precedenza era possibile scrivere solo i numeri fissi) e anche quelli assenti dagli elenchi pubblici;
  • una volta iscritti al registro, tutti i consensi dati in precedenza (sia online che offline) sono cancellati;
  • gli operatori dei call center devono indicare all’utente come hanno ottenuto i suoi dati personali (da elenchi pubblici o dall’acquisto di banche dati).

Una primissima parte della normativa con l’identificazione dei prefissi da parte dell’Agcom, dunque, è stata realizzata, adesso non ci resta che aspettare che i call center si adeguino alle nuove numerazioni. Inoltre siamo sempre in attesa di avere il  nuovo registro delle opposizioni, così come previsto dalla legge.

IL NOSTRO COMMENTO 

Come più volte denunciato dall’Unione Nazionale Consumatori (anche nell’ambito della campagna #NONDISTURBARMI), non esistevano fino a questa legge delle regole efficaci per contrastare l’aggressività dei call center; anche se la lobby dei call center ha fatto di tutto per affossare il provvedimento, riuscendo ad ottenere, con il solito ricatto occupazionale, un peggioramento del testo, resta comunque un passo avanti rispetto al precedente regime: la riforma è importante per ridurre le telefonate moleste. Per un giudizio definitivo dovremmo verificare la sua concreta attuazione.

Per questo motivo, l’Unione Nazionale Consumatori continuerà a vigilare sulla situazione e a raccogliere le segnalazioni di quanti riscontrassero pratiche scorrette rispetto a quanto previsto dalla legge

Autore: Simona Volpe
Data: 30 ottobre 2018

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

nicolino

sono iscritto al registro delle opposizioni sin dalla data della sua istituzione, ma posso testimoniare che non ha alcun valore in quanto ricevo continuamente telefonate a scopo pubblicitario pur avendo cancellato la mia utenza dagli elenchi telefonici. La denuncia dell’abuso all’autorità è inutile in quanto si dovrebbero segnalare anche tutti i dati del chiamante,compreso il numero telefonico che è sempre sconosciuto

Andrea Virgili

Cari Amici,
ho cercato di iscrivere il mio numero di telefono cellulare nel registro pubblico delle opposizioni ma mi hanno rifiutato l’operazione perché il numero non risulta in nessun elenco pubblico telefonico.
Dunque la legge del 4 febbraio non è ancora applicata oppure sono io che non capisco ?
Buon lavoro e grazie per ciò che fate.
Andrea Virgili

Danilo

Non c’è solo telecom io sono perseguitato continuamente dalle wind

cesare napoli

“potenziamento del registro delle opposizioni grazie all’introduzione di numeri di telefonia mobile (in precedenza era possibile scrivere solo i numeri fissi) e anche quelli assenti dagli elenchi pubblici;”
non è assolutamente vero…fino a qualche giorno fa (ottobre 2018) se non si era iscritti negli elenchi pubblici non si poteva essere iscritti al registro opposizioni

Marcello Costa

Tutto nasce dalla famosa Legge sulla “Privacy” e sulla continua violazione della stessa da parte delle “Lobby” e dei Call Center. Poiché non si capisce perché non si applica, quando si riceve una chiamata sul proprio numero (privato) di cellulare, alle ore più inopportune (dalle 12:30 alle 13:30) e dove è manifesta la sua evidente violazione!

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online