Chiamate indesiderate, quando la legge avrà effetto?

Il  4 febbraio è entrata in vigore la norma sulle chiamate indesiderate, anche se sono necessari 90 giorni affinché si concretizzino alcuni degli effetti previsti dalla legge. Vediamo intanto che cosa prevede questo testo che, anche se non è perfetto, mette comunque un freno al telemarketing aggressivo:

  • potenziamento del registro delle opposizioni grazie all’introduzione di numeri di telefonia mobile (in precedenza era possibile scrivere solo i numeri fissi) e anche quelli assenti dagli elenchi pubblici;
  • una volta iscritti al registro, tutti i consensi dati in precedenza (sia online che offline) sono cancellati;
  • gli operatori dei call center devono indicare all’utente come hanno ottenuto i suoi dati personali (da elenchi pubblici o dall’acquisto di banche dati).

Uno degli aspetti del disegno di legge su cui il dibattito è stato più acceso è il cosiddetto “prefisso unico”: una prima versione della normativa prevedeva infatti che tutte  le chiamate pubblicitarie fossero riconoscibili da un codice che sarebbe lo stesso per tutte le società di call center. La lobby dei call center ha però ottenuto un compromesso: il prefisso unico anti-scocciatori raddoppia, uno per riconoscere le chiamate commerciali ed un altro per le indagini statistiche. Inoltre il testo consente ora agli operatori che non si adeguano al prefisso unico, la facoltà di usare una numerazione “ricaricabile” per consentire un contatto da parte del consumatore.  Entro il 5 maggio 2018, l’Agcom ha il compito di identificare i codici o prefissi indicati, mentre i call center dovranno adeguare le numerazioni telefoniche facendo richiesta di assegnazione delle relative numerazioni entro il 5 aprile. 

Come anticipato, alcune parti della legge richiedono i decreti attuativi per avere effetti, quindi :

1) servono 90 gg per avere il prefisso specifico; 

2) servono 90 gg per avere nuovo registro opposizioni;

3) ci vogliono 6 mesi per cambiare le tariffe del registro.

IL NOSTRO COMMENTO 

Come più volte denunciato dall’Unione Nazionale Consumatori (anche nell’ambito della campagna #NONDISTURBARMI), non esistevano fino a questa legge delle regole efficaci per contrastare l’aggressività dei call center; anche se la lobby dei call center ha fatto di tutto per affossare il provvedimento, riuscendo ad ottenere, con il solito ricatto occupazionale, un peggioramento del testo, resta comunque un passo avanti rispetto al precedente regime: la riforma è importante per ridurre le telefonate moleste. Per un giudizio definitivo dovremmo verificare la sua concreta attuazione, ma anche attendere l’entrata in vigore del Regolamento Europeo Privacy dal 25 maggio 2018. 

Per questo motivo, l’Unione Nazionale Consumatori continuerà a vigilare sulla situazione e a raccogliere le segnalazioni di quanti riscontrassero pratiche scorrette rispetto a quanto previsto dalla legge

Autore: Simona Volpe
Data: 2 marzo 2018

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Daniela

Mi sembra di elementare Buon senso ridurre la legge ad un solo articolo: se non do specifica richiesta scritta è ILLEGALE CONTATTARMI. Anzi devo essere io a cercare e chiamare un’Azienda di qualunque tipo e CHIEDERE IL PRODOTTO O SERVIZIO CHE MI SERVE. I livalli occupazionali,tra l’altro con compensi da fame, potrebbero tenerli per rispondere anziché chiamare o chiamare solo utenti che lo hanno esplicitamente consentito. MA siccome le Lobby esistono perché hanno complici, il buon senso non può essere attuato e si continua facendo finta di provvedere in realtà si complicano diritti

angelo crocoli

grazie, sono contento nel vedere che quai cosa si e mosso.

Fiorello Lieto

Daccordissimo con Maurizio Magistri. Bisognerebbe modificare il registro come in Germania in senso inverso. Chi vuole essere contattato deve dare specifica adesione, senza la quale telefonare è illegale. Perché devo perdere tempo per ” OPPORMI “

Raffaele

Se indesiderate quale sanzione viene applicata alla società che abusa?
Come sanzionare chi si serve di operatori fuori dall’Italia?
E’ obbligatorio il numero chiamante di chi rompe?

Roberto Cassani

Manca sempre la procedura rapida per denunciare chi infrange la legge, i call center, faranno finta di niente, e faranno ugualmente chiamate, tanto la maggioranza non denuncia, e chi lo vuole fare, si trova di fronte a prassi, assurde e tempi galattici… Io ho un fisso ed un cel, che specificatamente, non ha i consensi per terzi, per elenchi ecc.. ma le chiamate arrivano ugualmente, e visto che ho appunto bloccato questi consensi, non posso inserire nel registro delle opposizioni, visto che sono già preclusi…… ma le chiamate arrivano, ed anche con numerazione nascosta, violando leggi da anni in vigore oppure utilizzando il sistema di centralini e numerazioni fisse o cell virtuali ,che per sapere di chi sono e da dove partono, serve un miracolo……

Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2018 Unione Nazionale Consumatori
© 2018 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online