Email con ricatto: si tratta di una truffa

Se ricevete una email in cui vi viene detto che siete stati “scoperti” a visitare siti porno, non apritela perché si tratta di una truffa. A lanciare l’allerta è stata diversi mesi fa la Polizia Postale dopo aver riscontrato una massiccia attività di spamming a scopo estorsivo. Allora è stato appurato che il tentativo di estorsione era opera di un gruppo internazionale di criminali che aveva inviato email in cui veniva comunicato agli utenti che il loro account di posta elettronica era stato hackerato. La Polizia Statale aveva però assicurato che si trattava di una falsa segnalazione, inviata per impaurire gli utenti e spingerli a pagare una somma di denaro richiesta. Nonostante questa rassicurazione, il rischio di ricevere sul proprio indirizzo di posta elettronica messaggi di questo tipo resta sempre vivo. Vediamo perché.

Cosa dice l’email

Nell’email i criminali dicono di avere ‘beccato’ l’utente mentre visitava un sito porno. Ma non solo. Dicono anche di aver scaricato tutte le informazioni riservate sul suo conto (compresa la cronologia di navigazione) e di aver installato un virus sul suo computer (un trojan) tramite il quale avrebbero avuto accesso alla webcam riuscendo a filmarlo in atti intimi. Se l’utente non paga entro 48 ore un riscatto di 300 dollari in bitcoin (la moneta digitale), i criminali diffonderanno le immagini a tutti i suoi contatti, dunque amici, parenti e colleghi di lavoro.

Perché si tratta di una truffa

Sul suo sito la Polizia Postale spiega perché questo avvertimento è un tentativo di truffa. “È tecnicamente impossibile, infatti, – si legge sul sito – che chiunque, pur se entrato abusivamente nella nostra casella di posta elettronica, abbia potuto – per ciò solo – installare un virus in grado di assumere il controllo del nostro dispositivo, attivando la webcam o rubando i nostri dati”.

Cosa fare se si riceve questa mail?

In caso abbiate ricevuto questo tipo di email sulla vostra casella di posta elettronica, i consigli da seguire indicati dalla Polizia Postale sono i seguenti. Chi invece vuole ulteriori chiarimenti, può rivolgersi direttamente alla Polizia Postale cliccando sul sito www.commissariatodips.it

1) Mantenete la calma: il criminale non dispone di alcun filmato che ci ritrae in atteggiamenti intimi né, con tutta probabilità, delle password dei profili social da cui ricavare la lista di nostri amici o parenti;

2) Non pagate alcun riscatto: pagarlo significherebbe ricevere altre minacce e altre richieste di denaro;

3) Cambiate la password della vostra email, sceglietene una particolarmente complessa e fate in modo che sia differente rispetto a quella che utilizzate per accedere ad altri vostri profili sul web (ad esempio Facebook);

4) Abilitate meccanismi di autenticazione “forte”: fate in modo che all’inserimento della password venga associata l’immissione di un codice di sicurezza ricevuto sul vostro telefono cellulare;

5) In generale, non lasciate mai i vostri dispositivi incustoditi e non cliccate su link o allegati di posta elettronica sospetti.

Autore: Rocco Bellantone
Data: 7 maggio 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Ivy

Salve,praticamente a me è successo più o meno lo stesso.
Ieri mi si era disconnessa la ps4 da spotify(cosa davvero strana) al che non mi faceva più accedere con la password che ricordavo.
Vado sulla mia casella di posta perché aspettavo l’email da Spotify per cambiarla e cosa trovo?
Innanzitutto in “posta in arrivo” un email di Spotify risalente al 27 maggio,che mi avvisava di aver resettato la mia password per azioni sospette.
Vado poi nella casella spam e cosa trovo?
4 di queste email che tutti avete ricevuto.
Solo che in due di queste mi dicevano di aver preso la mia password(non della casella,ma probabilmente spotify),e in realtà non era quella mia.
Nelle ultime due invece la password era proprio quella che usavo per il mio account Spotify 😱
Ma davvero gli è cosi semplice fottersi le password?
Porca paletta.
Ovviamente del contenuto dell’email non credo a nulla,ma solo questa cosa che avevano la mia password mi turbava.
E a voi? Hanno anche rubato la password?

Avatar
Samantha

Mi è arrivata anche a me una e mail del genere solo che io ho aperto l allegato perché stranamente il messaggio perveniva con un nome e cognome di un collega che conoscevo e mi dicevano che ero andata su un sito porno e mi avevano hackerato il dispositivo e che nel momento in cui aprivo l allegato avevo 48 ore per pagare 530 euro in bitcoin con un codice allegato altrimenti avrebbero mandato un video in cui si vedeva il video che avevo visto sul sito e il video che avevanp fatto entrando nella mia web cam pensa te

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica l'ebook
"Prodotti difettosi"