Multate Sky e DAZN: raccogliamo i reclami per pacchetto calcio

Dopo la multa a SKY Italia arriva quella a DAZN. L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, a seguito di una nostra segnalazione, ha multato di 500 mila euro Perform Investment Limited e Perform Media Services che offrono il calcio in streaming su Dazn. Secondo l’Antitrust, quegli spot che offrivano la diretta di alcune partite di Seria A e B della stagione 2018-2019 erano “messaggi pubblicitari attraverso cui veniva enfatizzata la possibilità di fruizione del servizio ‘quando vuoi, dove vuoi’, senza fare alcun riferimento alle limitazioni tecniche che avrebbero potuto, invece, renderla complicata o addirittura impedirla, come hanno dimostrato le difficoltà incontrate in concreto dai consumatori all’inizio della stagione”.

Nelle scorse settimane, l’Autorità aveva già multato SKY Italia per 7 milioni di euro perché gli abbonati di Sky calcio, che nelle precedenti stagioni vedevano tutte le partite del campionato, non sono stati correttamente informati che nel pacchetto della stagione 2018/19 avrebbero visto solo 7 partite su 10 di serie A. LEGGI IL COMUNICATO DELL’AUTORITA’ ANTITRUST .

Adesso dunque ai consumatori spetterebbe un indennizzo che la nostra associazione ha già richiesto agli operatori multati: qualora le aziende non si attivassero spontaneamente, potremmo ricorrere al giudice con un’azione di classe, non appena il provvedimento sarà confermato dal TAR (che ha confermato la multa a Sky lo scorso 9 maggio) ed eventualmente dal Consiglio di Stato.

Per questo motivo i consumatori che non l’avessero già fatto possono aderire alla nostra campagna  #SerieAsorpresa per denunciare l’ingiustizia subita.

La campagna #serieAsorpresa

La campagna è attiva già da diversi mesi: ad agosto, infatti,quando la notizia ha preso piede, gli sportelli dell’Unione Nazionale Consumatori sono stati presi d’assalto da migliaia di consumatori che lamentavano quanto accaduto.

SKY, infatti, nella stagione in corso trasmette 7 partite di serie A in esclusiva: due anticipi del sabato (ore 15 e 18), tre partite della domenica (una alle 15, quella delle 18 e quella delle 20.30) e il posticipo di lunedì alle 20.30. Le altre 3 partite, invece, ossia quella di sabato alle 20.30, la gara all’ora di pranzo di domenica (12.30) e una di quelle delle 15, se le è aggiudicate Perform che trasmette alcune partite di Serie A su DAZN, il suo servizio di video streaming online attraverso il quale seguire le partite in diretta e on demand. Ovviamente nel momento in cui i consumatori hanno sottoscritto l’abbonamento non erano stati informati del pacchetto disponibile.

La nostra associazione, dunque, oltre a raccogliere i reclami ha denunciato all’Autorità l’azienda per tutelare quei tifosi impossibilitati a vedere tutte le partite della propria squadra se non al prezzo di disagi e costi aggiuntivi.

A suscitare la rabbia dei consumatori anche il pessimo servizio offerto da DAZN, per cui appunto è stata multata dall’Antitrust. Non solo, infatti, DAZN non ha fornito un servizio di qualità, ma anche le condizioni di contratto presenti sul sito suscitano qualche perplessità. Risulterebbero, infatti, una serie di irregolarità a cominciare dalle previsioni riguardanti la modifica unilaterale senza che sia previsto un vero e proprio diritto di recesso in capo al consumatore che, come è noto, è obbligatorio per legge. Un altro punto che ha attirato l’attenzione dei nostri legali (tanto da motivare una seconda denuncia all’Antitrust) è la clausola che indica come diritto applicabile quello della Germania, cosa che rischia di confondere i consumatori; allo stesso modo appare poco trasparente la clausola che prevede che, in caso di controversia, DAZN si rifiuti di aderire a procedure di conciliazione o arbitrato affermando di preferire ‘di risolvere le richieste direttamente con l’utente’. Peccato che in questo modo DAZN non rispetti due obblighi imposti dalla Commissione Europea: da un lato prevedere sistemi di risoluzione online delle controversie, dall’altro indicare chiaramente sul proprio sito facili modalità di contatto per l’utente. Se a ciò aggiungiamo alcuni reclami che ci segnalano il mancato riconoscimento di sconti e diversi ostacoli allo scioglimento del contratto durante il mese di prova gratuita ecco che il quadro si fa decisamente preoccupante.

La nostra posizione

Noi di Unione Nazionale Consumatori avevamo già diversi dubbi sulla liceità della situazione e adesso anche l’Antitrust ci ha dato ragione: in attesa quindi di capire gli sviluppi per i consumatori, invitiamo  tutti coloro che fossero interessati ad un’eventuale azione legale ad aderire alla nostra campagna #SerieAsorpresa!

Sei anche tu vittima dei disservizi SKY e vuoi avere un risarcimento? 

SKY DAZN

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data:  10 maggio 2019

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

Avatar
Riccardo

Vorrei informare che tutto ciò viene imposto da una legge europea che impedisce l’acquisto dei diritti sulla trasmissione delle partite dei vari campionati (in Germania ad esempio i diritti per la Bundesliga sono divisi su 4 operatori) e che fino all’anno scorso il problema non si poneva in quanto il secondo operatore oltre Sky era Mediaset che tra l’altro aveva l’esclusiva per la Champions League ed obbligava comunque i telespettatori interessati a vedere tutto a pagare 2 abbonamenti. Pertanto mi pare esagerata la polemica di quest’anno legata alla visione di 3 sole partite e lavorando nel settore suggerirei agli interessati di lasciar perdere DAZN (in assenza di abbonamenti la prossima stagione dovranno per forza prendere provvedimenti) e ricominciare ad andare a vedere le partite al bar…che farebbe bene anche per socializzare con altre persone

Avatar
luigi seminari

Secondo me l’errore è stato della Lega che se non voleva dare tutti i diritti ad un solo operatore avrebbe dovuto dividere per squadra in modo che tutte le partite di una certa squadra fossero trasmesse da un solo operatore. Se poi il tifoso vuole vedere anche le altre decide di pagare un surplus. Oppure il tifoso paga una quota accettabile e può vedere tutta le partite sui diversi operatori. Così invece un vecchietto che vuole vedere una partita trasmessa da Dazn deve fare prima un corso di informatica.

Avatar
Guido

Concordo con il disservizio, il canone sky calcio non è cambiato ma sono diminuite le partite di serie A, uno scandalo!!!

Avatar
eNNIO PERLINI

Nella settimana appena trascorsa a me, che ho l’abbonamento “calcio”, SKY ha fatto vedere solo tre partite anzichè sette come era da programma.. Bisognerebbe far sentire di più la nostra voce come consumatori e come tifosi,.Basta con questi profittatori .

Avatar
Patrizia

Trovo veramemte scorretto tutto questo quando ho stipulayo il contratto anni fa per sky calcio lo stesso prevedeva la visibilità di tutte le partite, oggi con lo stesso costo vedo meno senza neppure essere stato avvisato o riduzione di costi per il disservizio penso di resxindere il contratto e dovremmo farlo tutti


Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica l'ebook
"Prodotti difettosi"

Inserisci il tuo indirizzo email per scaricare il nostro ebook "Prodotti difettosi: tutto quello che c’è da sapere".
Al suo interno: acquisto di beni nuovi e usati, garanzia e assistenza post-vendita, etc...