ABC reclami telefonia: Tim, Vodafone, Wind, H3G

20 commenti  |   stampa  |  pdf

abc reclami telefoniaQuesto ABC telefonia presenta una rapida panoramica dei reclami più comuni relativi alla bolletta di telefonia, fornendo ai consumatori alcuni semplici consigli per difendersi.

Non sempre, infatti, il consumatore riesce ad avere il controllo sul proprio traffico telefonico e il risultato può essere una bolletta esorbitante. D’altra parte le compagnie telefoniche, talvolta, attivano alcuni servizi senza che l’utente ne abbia mai fatto richiesta: si tratta di pratiche commerciali scorrette che danno diritto ad un rimborso.

Vediamo, dunque, quali sono i reclami più frequenti denunciati agli sportelli dell’Unione Nazionale Consumatori:

  • la richiesta di migrazione ad altro operatore o il recesso da un contratto (fisso o mobile) non viene eseguita, o peggio, si arriva ad una doppia fatturazione;
  • l’operatore telefonico attiva servizi supplementari senza aver ricevuto alcuna richiesta da parte del consumatore;
  • durante l’utilizzo di un’App sul proprio smartphone, inavvertitamente si clicca su un banner pubblicitario, che attiva un servizio a pagamento (oppure queste si aggiornano automaticamente scaricando traffico dati all’insaputa dell’utente);
  • durante un viaggio all’estero il roaming dati addebita sosti elevati sul traffico telefonico;

Ed ecco come difendersi:

  • chiedere al proprio operatore telefonico di disattivare i servizi che non sono ritenuti necessari ed escludere la possibilità di attivare servizi a sovrapprezzo sul proprio abbonamento;
  • in caso di dubbio su specifici servizi, richiedere subito al proprio operatore la disattivazione del servizio non richiesto e il rimborso delle somme non dovute;
  • quando non si vuole effettuare traffico dati all’estero disattivare il roaming dati per evitare di incorrere in tariffe aggiuntive per la navigazione web, l’utilizzo dell’e-mail, MMS e altri servizi dati;
  • nelle impostazioni dello smartphone selezionare l’opzione che prevede l’aggiornamento delle APP solo se autorizzato dall’utente (disattivare l’aggiornamento automatico);

Se hai bisogno di aiuto, contattaci attraverso lo sportello sul nostro sito cliccando sul logo del tuo operatore per ricevere la nostra assistenza personalizzata.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 19 settembre 2016

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

immacolata

La wind sta bloccando,da un momento all’altro e senza alcun preavviso, tutte le sim che hanno piano tariffario BEWIN con autoricarica.Sul web si trovano numerose testimonianze a riguardo.Io sto ancora aspettando di essere ricontattata,ho 2 bambini una mamma invalida è quello è il mio unico numero. Mi sembra una cosa assolutamente assurda e senza senso. mi hanno inviato un messaggio dove dicevano che era stato riscontrato un utilizzo del servizio difforme dai principi di buona fede e correttezza e pertanto provvedevano alla decurtazione del credito generato da autoricarica.Io ora mi chiedo,cosa avrei dovuto fare, dire ad amici e parenti di non chiamarmi?

Antonio Napoletano

Gentilissimi, vi scrivo in quanto il mese scorso, precismente dal 20 al 25 ottobre 2016, mi sono recato in vacanza a Malta. Prima della partenza ho proveduto ad attivare sul mio numero di telefono H3G un’opzione per poter effettuare anche da Malta telefonate illimitate (pagando pochi centesimi per scatto alla risposta) e 500megabite di internet in roaminmg. Giunto a Malta il telefono era completamente morto, non chiamava, né riceveva. Utilizzando il wi-fi ho ricaricato di 10,00 euro il credito residuo e ho provato a chiamare l’assistenza al numero dedicato per clienti all’estero, dove mi rispondeva solo ed esclusivamente la voce guida che mi proponeva offerte su offerte. Ho cercato diversi numeri di assistenza on line, ma nessuno dall’estero mi faceva palare con un operatore. Una volta caricati i 10,00 euro il telefono ha funzionato per un breve periodo, infatti ho provato a fare una telefonata brevisima di prova, e ne ho ricevuta anche una. Poco dopo il credito è tornato pari a zero e il telefono è nuovamente “morto”. Altra ricarica di 10,00, il telefono ha ripreso a funzionare, navigando su internet, ma per poche ore, finché il credito si è riazzerato. Sia tramite la app per controllare il traffico, sia tramite operatore chiamato una volta tornato in Italia, ho appurato che non ho consumato neanche il 10% della soglia internet, e che il credito sì è azzerato per ben due volte perché la 3, ogni volta che si attivava una sessione internet, scalava 30 o 60 centesimi. Purtroppo questa cosa non è spiegata in modo chiaro, infatti si scrive che i 60 centesimi sono per sessione internet, e la durata della sessione è di sei ore… va da se che l’utente pensa di pagare quello scatto ogni sei ore..e non ogni sei secondi che si prende in mano lo smartphone! Fatto sta che io in quei 5 giorni sono stato sempre irraggiungibile dall’Italia, se non per quei pochi minuti in cui il credito era attivo, causandomi non pochi problemi anche col lavoro..
grazie, Antonio Napoletano

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Gentile Antonio, grazie della segnalazione, purtroppo il suo non è un caso isolato… i nostri esperti seguono molte situazioni simili alla sua. Se ha bisogno della nostra assistenza ci contatti all’indirizzo email telefonia@consumatori.it, grazie!

maria

Buongiorno, evidentemente per recuperare i soldi della multa sulla telefonia mobile relativa alla riduzione da 31 a 28 giorni dei servizi telefonici mobili… la Infostrada-Wind ha pensato bene di applicarla anche alla telefonia fissa! In data odierna mi è arrivata la fattura relativa ai servizi di linea dati (importo fisso) e voce (a consumo) con l’aggiunto della comunicazione che dal mese di ottobre 2016″…a seguito dell’evoluzione del mercato e per esigenze di armonizzazione con altri servizi wind, … i canoni e contenuti delle offerte abbonamenti wind si rinnoveranno ogni 4 settimane invece che mensilmente…” . Vi chiedo di denunciare tale fatto… perchè avere una linea fissa non è come avere quella mobile! Seppure possa recedere dal contratto, sono legata dall’impegno di rimanere con tale compagnia almeno 24 mesi… inoltre passare ad altro operatore significa avere una serie di disservizi (per l’attivazione sono passati 3 mesi) che non sono assolutamente paragonabili alla telefonia mobile, per la quale basta la semplice migrazione del proprio numero e in poco meno di 24 ore si risolve tutto. Sono veramente frustrata dai comportamenti truffaldini di tutte le compagnie telefoniche..ma cosa sta facendo l’autority?
vi ringrazio per l’attenzione

La Redazione UNC
La Redazione UNC

Buongiorno Maria, se ha bisogno di assistenza può mandare un’email a telefonia@consumatori.it, i nostri consulenti le daranno una mano, grazie!

Diego

Mi e’ arrivata la fattura della 3 anche a me con 72 euro di contenuti extra che non ho attivato .

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori