Contraffazione on line: ecco come difendersi

commenta  |   stampa  |  pdf

Il ricorso ad internet da parte degli spacciatori del falso risulta crescente. Il motivo è presto detto: il web garantisce anonimato, bassi costi, un immediato passaparola, un ampio mercato di riferimento e una maggiore facilità di azione facendo perdere rapidamente le proprie tracce.

Va allora da sé che la Rete sta cambiando il business dei contraffattori: non più grossisti del falso e ampie partite di merce; oggi le vendite sono sempre più dirette ai singoli consumatori e, nella maggior parte dei casi, le transazioni riguardano piccoli importi e quantità, così da essere più difficilmente intercettabili.

Come salvaguardarsi? Ecco qualche consiglio per non cadere nell’inganno:

•    affidarsi sempre a siti ufficiali e certificati;

•    diffidare di prodotti venduti a prezzi “stracciati” rispetto al costo originale;

•    insospettirsi se ci sono errori ortografici grossolani nell’inserzione;

•    leggere i feedback sui venditori, alla ricerca di possibili indizi sulla distribuzione di beni contraffatti. In caso di venditori professionali è bene assicurarsi anche che informazioni come identità e indirizzo, condizione di garanzia, diritto di recesso e di ripensamento siano chiare e facilmente reperibili;

•    diffidare se la disponibilità di un prodotto è anticipata rispetto alla data di uscita ufficiale;

•    chiedere al venditore chi gli fornisce i prodotti. Spesso il luogo di provenienza non corrisponde con quello di vendita. Gli accessori e i capi d’abbigliamento contraffatti spesso vengono infatti dalla Cina, da Hong Kong o dalla Turchia mentre i medicinali provengono in genere dall’India;

•    meglio non concludere l’acquisto se del bene in vendita sono disponibili solo foto di scarsa qualità: è infatti probabile che si voglia nascondere qualcosa, spesso proprio la cattiva qualità dell’imitazione;

•    anche una “sospetta” descrizione del prodotto può essere un campanello di allarme: controllare la descrizione e le condizioni di spedizione e consegna, scegliendo sempre metodi di spedizione tracciabili e contattando il venditore prima di fare l’acquisto nel caso in cui i dettagli non fossero chiari.

Autore: Sonia Galardo
Data: 14 novembre 2012

   Hai bisogno di assistenza su questo argomento? Clicca qui!

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori