Insonnia da jet-leg

commenta  |   stampa  |  pdf

vacanza rovinataChi, per recarsi in vacanza affronta lunghi voli transmeridiani, può accusare transitori disturbi del sonno (sindrome del Jet-lag). Ciò deriva sostanzialmente da uno sfasamento fra il ritmo di sonno-veglia generato dal sistema circadiano endogeno (orologio biologico interno) ed il ritmo di sonno-veglia richiesto da un nuovo fuso orario, con conseguente squilibrio fra le ore desiderate e quelle obbligate per il sonno e la veglia. Ovviamente il disturbo è proporzionale al numero di fusi orari attraversati, con un massimo di difficoltà registrato in seguito a viaggi attraverso otto o più fusi orari in meno di 24 ore. Gli effetti sono più deleteri in caso di viaggi verso est (con anticipo delle ore di sonno-veglia) che verso ovest (con posticipo delle ore di sonno-veglia).
Nonostante questi disturbi siano transitori e non patologici possono tuttavia pregiudicare il benessere personale ed interferire con le normali attività della vacanza.

Come si manifesta
I sintomi tipici sono: difficoltà ad addormentarsi, frequenti risvegli notturni, sonnolenza diurna, stanchezza, malessere, cefalea, sensazione di testa vuota, irritabilità, compromissione della vigilanza, della memoria, della capacità di concentrazione e disturbi gastrointestinali con riduzione dell’appetito.

Come si cura
Innanzitutto occorre rispettare rigidamente il riposo notturno evitando di dormire di giorno.
Inoltre bisogna alimentarsi in modo leggero evitando sostanze eccitanti (tè, caffè).
E’ utile anche l’esercizio fisico e l’esposizione alla luce viva, in relazione all’orario locale.
Per il trattamento farmacologico possono essere utilizzati farmaci di automedicazione a blando effetto sedativo, quali medicinali a base di valeriana (gli effetti sedativi della radice di valeriana sono stati empiricamente riconosciuti da molto tempo). Altri rimedi possono essere la melatonina, utile nei casi di viaggi con cambio del fuso orario, la prometazina e la difenidramina, farmaci antistaminici di vecchia generazione con blando effetto sedativo.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 17 maggio 2015

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare questo articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori