Mutuo cointestato: cosa accade in caso di separazione?

1 commento  |   stampa  |  pdf

mutuo cointestato in caso di separazioneIl mutuo cointestato è senza dubbio una delle soluzioni più diffuse ed apprezzate dalla giovani coppie che decidono di acquistare una nuova casa. Infatti grazie alla possibilità di poter intestare il contratto a più soggetti, il mutuo cointestato permette di condividere non solo le spese ma anche di assumersi le stesse responsabilità in caso di problemi o eventuali complicazioni. Secondo gli esperti del settore, la ripresa del mercato dei mutui è senza dubbio dovuta ad un miglioramento delle condizioni offerte dai vari istituti di credito e dal mercato immobiliare, che sembrano aver riacceso la voglia di investire non solo delle famiglie ma anche delle giovani coppie.

Nonostante il clima di fiducia generale, la ripresa del mercato finanziario procede ancora a piccoli passi e sembra prediligere soluzioni di finanziamento a breve termine e dagli importi contenuti, con una particolare attenzione alle garanzie offerte. Il mutuo cointestato sembra infatti possedere questi requisiti e offrire anche delle efficaci soluzioni in caso di in caso di separazione dei due coniugi o conviventi. Infatti il diritto italiano prevede in caso di separazione consensuale dei due intestatari tre possibili alternative. Vediamo nello specifico di cosa si tratta.

Vendita dell’immobile

La prima soluzione in caso di separazione prevede la messa in vendita dell’immobile. Una soluzione di certo estrema ma in grado di risolvere definitivamente tutti i problemi derivanti dal mutuo cointestato. Infatti la vendita dell’immobile consente di ottenere la liquidità necessaria per coprire il debito con la banca, mentre la parte restante potrà essere equamente distribuita tra i due coniugi e coprire le spese sostenute dall’inizio del finanziamento. Una soluzione di certo estrema che implica da parte di entrambi la ricerca di una nuova sistemazione.

Pagamento congiunto

Come seconda soluzione i due coniugi possono anche valutare di continuare a pagare le rate del mutuo restanti evitando così ulteriori costi e lunghe trafile burocratiche. Questa soluzione è consigliata se manca poco al termine del finanziamento e i due coniugi hanno mantenuto dei buoni rapporti. Il pagamento congiunto può anche rappresentare un sorta di alternativa all’ “assegno di mantenimento”, permettendo al marito di continuare a pagare la sua parte di rata del mutuo cointestato il cui importo sarà però detratto dal versamento mensile concordato con la moglie. In questo caso è consigliabile decidere fin dall’inizio a chi dei due spetterà la “proprietà dell’immobile”.

Possibilità per uno dei due di abbandonare il contratto di mutuo

Un’altra soluzione offre invece ad uno dei due coniugi la possibilità di abbandonare il contratto di mutuo cointestato. In questo caso l’ultima parola spetterà alla banca che dovrà valutare se l’unico coniuge intestatario sia in grado di sostenere importo della rata mensile. Una possibile alternativa da valutare in questi casi è la sostituzione del mutuo, ovvero spostare il mutuo in un’altra banca che offre condizioni più vantaggiose. In questo caso bisognerà intestare il nuovo contratto al coniuge che occuperà l’immobile che dovrà quindi restituire all’altro la metà dell’importo pagato fino a quel momento.

 

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 8 ottobre 2015

   Hai bisogno della nostra assistenza? Contattaci

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti.

*

salvatore

E’ TUTTO OK AI CONSIGLI PROPOSTI RIGUARDO AD UN MUTUO CASA CONGIUNTO, PERO’ OGGI LE SITUAZIONI SONO UN PO CAMBIATE, OVVERO,COME NEL MIO CASO: IN CUI L’AGENZIA DELLE ENTRATE HA IPOTECATO L’INTERO IMMOBILE(1A CASA)A CAUSA DI UN ERRORE DEL COMMERCIALISTA DI MIA MOGLIE ,LA QUALE SI E’ VISTA DISTRUGGERE UNA ATTIVITA’ COMMERCIALE TRENTENNALE DI ABBIGLIAMENTO IN POCHI MESI. CONTI CORRENTI,FIDI BLOCCATI E TUTTO CIO CHE SERVE PER DISTRUGGERE UNA PERSONA CHE HA SEMPRE PAGATO I CONTRIBUTI======00000!- LE VIE LEGALI VANNO A RILENTO DA ANNI ED IO MI TROVO A PAGARE UN MUTUO, BOLLETTE ECC X UNA CASA CHE NON SARA’ NE MIA E NE DI MIA FIGLIA MINORENNE.,,,,ECCO PERCHE’ IMPRENDITORI COMMERCIANTI SI AMMAZZANO.^^^ CI SONO SOLUZIONI???? DATO CHE PARLANDO HO CONSTATATO CHE DI CASI SIMILARI VE NE SONO A BIZZEFFE …EPPURE NON SI TOCCANO MAI QUESTI ARGOMENTI!!!! GRAZIE X QUELLO CHE RIUSCITE A FARCI AVERE DEI NOSTRI POCHI DIRITTI CHE CI SPETTEREBBERO. Firmato IL CONDANNATO.

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2016 Unione Nazionale Consumatori
© 2016 Unione Nazionale Consumatori