ISTAT: cambia paniere per rilevazione prezzi

L’Istat, come ogni anno ha rivisto l’elenco dei prodotti che compongono il paniere di riferimento per la rilevazione dei prezzi al consumo.

L’aggiornamento del paniere tiene conto dei cambiamenti emersi nelle abitudini di spesa delle famiglie, dell’evoluzione di norme e classificazioni e in alcuni casi arricchisce la gamma dei prodotti che rappresentano consumi consolidati.

Nel paniere del 2019 utilizzato per il calcolo dell’inflazione figurano 1.507 prodotti elementari (1.489 nel 2018).

Per quanto riguarda l’ingresso di prodotti che hanno acquisito maggiore rilevanza nella spesa delle famiglie, sono da segnalare: Frutti di bosco che, insieme all’Uva e alle Fragole (in rilevazione già da alcuni anni), compongono il segmento Frutti a bacca; Zenzero, nel segmento di consumo Radici, bulbi non amidacei, funghi e altri vegetali; Bicicletta elettrica, che si affianca alla più tradizionale Bicicletta per adulto e alla Bicicletta per bambino nel segmento di consumo riguardante le Biciclette; Scooter sharing che si aggiunge a Car sharing e Bike sharing nel segmento Noleggio mezzi di trasporto e sharing; Cuffia con microfono, tra gli Apparecchi audiovisivi, fotografici e informatici le cui vendite sono risultate in forte espansione nell’ultimo anno; Hoverboard (scooter elettrico autobilanciato), nell’ambito degli Articoli sportivi; Web TV che integra il segmento relativo all’Abbonamento alla Pay tv.

Tra i prodotti entrati per migliorare la rappresentatività del paniere: Tavolo, sedia e mobile da esterno che permettono di coprire la sottoclasse dei Mobili da giardino; Pannoloni e Traversa salvaletto, nel segmento degli Altri prodotti medicali non altrove classificati; Energia elettrica del mercato libero che rappresenta ormai una parte consistente del mercato dell’energia elettrica nel nostro Paese e che si aggiunge ai prezzi del regime di maggior tutela.

L’Unc esprime apprezzamento per questa aggiunta, considerato che in media il prezzo del mercato libero è superiore a quello tutelato.

Escono dal paniere: Supporto digitale da registrare (ad esempio DVD e CD vergini), i cui valori di spesa si sono fortemente ridotti così da renderlo non più rappresentativo dei consumi degli italiani; Lampadina a risparmio energetico, che risulta sostituita nelle decisioni di acquisto delle famiglie dalla più moderna Lampadina a LED, già presente nel paniere.

Per quanto riguarda le variazioni nella struttura di ponderazione dell’indice NIC tra il 2018 e il 2019, l’aumento più elevato in termini assoluti è quello della divisione di spesa Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (+0,2323 punti percentuali) interamente dovuto all’”effetto rivalutazione”, ossia all’inflazione registrata da ciascun prodotto tra il 2017 e dicembre 2018, che incide in modo particolare sui Beni energetici regolamentati, largamente rappresentati in questo raggruppamento e i cui prezzi a dicembre hanno registrato, rispetto alla media del 2017, un aumento dell’11,3%. Anche l’aumento del peso di Altri beni e servizi (+0,1682 punti percentuali) risente principalmente dell’aumento dei prezzi mentre quello dei Servizi ricettivi e di ristorazione (+0,1018 punti percentuali) è interamente dovuto all’”effetto spesa”, ossia ascrivibile alla differenza tra quanto le famiglie hanno destinato all’acquisto di beni e servizi, ovvero all’accresciuta importanza relativa di questo raggruppamento di prodotti misurata nei Conti nazionali del 2017 rispetto all’anno precedente.

La diminuzione più ampia riguarda la divisione di spesa Trasporti (-0,2594 punti percentuali) che risente dell’effetto rivalutazione. La riduzione del peso di Prodotti alimentari e bevande analcoliche (-0,1782) è dovuta anch’essa per lo più all’effetto rivalutazione che ha invece un influenza marginale sul calo del peso di Abbigliamento e calzature (-0,1627) determinato fondamentalmente dalla riduzione della spesa per questo raggruppamento di prodotti.

La divisione di spesa Prodotti alimentari e bevande analcoliche continua ad avere il peso maggiore nel paniere (16,33%), seguita da Trasporti (14,41%), Servizi ricettivi e di ristorazione (11,84%) e Abitazione, acqua, elettricità e combustibili (11,03%).

 

I commenti per questa discussione sono attualmente chiusi.
Potrebbe interessarti anche...
Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2019 Unione Nazionale Consumatori
© 2019 Unione Nazionale Consumatori

Scarica la guida
e-commerce

Inserisci il tuo indirizzo email e scarica gratis la nostra guida sugli acquisti online