Prestito ipotecario vitalizio per gli over 60

Il prestito ipotecario vitalizio è stato approvato dalla Commissione finanze del Senato. L’Abi, Associazione bancaria italiana, ha valutato molto positivamente l’introduzione di questa nuova forma di finanziamento agli over 60. Questa nuova tipologia di credito si aggiunge alle altre numerose opportunità finanziarie predisposte dal mercato creditizio per assecondare le esigenze più svariate dei clienti bancari. Quando si sceglie di ricorrere al denaro delle banche, infatti, è opportuno tener conto che il finanziamento più adeguato è sempre quello che meglio risponde alle esigenze del singolo. Per trovare la proposta di credito maggiormente vantaggiosa è possibile mettere i mutui dei vari istituti di credito a confronto così da selezionare in pochi minuti la soluzione ottimale.

La maggior parte degli ultrasessantenni italiani detiene un immobile di proprietà, tuttavia tali categorie difficilmente riescono ad accedere alle offerte di credito bancarie e ad ottenere la liquidità necessaria per far fronte ad acquisti improvvisi, spese mediche o per aiutare i figli in difficoltà. La legge su prestito ipotecario vitalizio era stata predisposta sin dal 2005 ma solo recentemente il Parlamento ha scelto di rimodularne i termini fornendo agli over 60 un’alternativa alla nuda proprietà.

Concretamente il prestito ipotecario vitalizio consente a coloro che hanno superato i 60 anni, di convertire parte del valore dell’immobile di proprietà in liquidità da utilizzare per far fronte ad esigenze di consumo. Uno dei principali vantaggi di tale formula – sottolinea l’Abi – è la possibilità di restare nella propria casa senza la necessità di ripagare il capitale e gli interessi sul denaro fornito dalla banca.

Secondo gli esperti dell’Osservatorio SuperMoney la legge sul prestito ipotecario vitalizio aiuterà, in particolare, gli over 60 in difficoltà che potranno così avere un adeguato tenore di vita senza rinunciare alla proprietà dell’immobile. SuperMoney ha analizzato l’andamento della domanda di credito da parte degli ultrasessantenni al fine di comprendere quali saranno gli effetti e gli eventuali vantaggi connessi al prestito ipotecario vitalizio.

Secondo gli ultimi dati, su un totale di 81.374 domande di prestito, ben 12.669 sarebbero state avanzate dagli over 60. Tra le motivazioni più diffuse troviamo, con il 31.17% la richiesta di liquidità. La maggior parte delle volte tale necessità è connessa al desiderio di aiutare i figli in difficoltà.

A seguire troviamo le spese straordinarie legate alla casa, come ad esempio i lavori di ristrutturazione, che sono alla base del 24.53% delle richieste. Più preoccupanti sono invece i casi di “consolidamento”, ovvero di prestiti finalizzati al pagamento di rate per precedenti finanziamenti, che rappresentano il 13.62% delle richieste. In seguito troviamo le spese economicamente più impegnative, come l’auto, le ricorrenze speciali, la salute e i viaggi.

A tutelare gli interessi degli eredi è la possibilità concessa ai figli di decidere se estinguere il debito, nel caso in cui non fosse stato interamente ripagato, o vendere l’immobile ipotecato a garanzia. In questo caso potranno restituire quanto dovuto, avendo anche la facoltà di concordare le modalità di rimborso. Ovvero, scegliere se corrispondere gradualmente gli interessi maturati e le spese, o restituirli in un’unica soluzione alla scadenza del finanziamento.
Claudio Pacella, amministratore delegato di 65Plus, società di consulenza finanziaria specializzata nelle soluzioni dedicate agli over 65, ha riferito che: “questa nuova legge consentirà ai cittadini di avere un quadro normativo più completo ed alle banche di poter investire senza esporsi a rischiose sofferenze. Una grande opportunità per gli over 60 e per le loro famiglie. Un volano finanziario utile ai singoli e al Paese in generale”.

Potrebbero essere circa 20.000 i prestiti stipulati per mezzo di questa formula, equivalenti a 2 milioni di euro di erogazioni, ma non si esclude che il numero reale possa salire ulteriormente. In altri Paesi, come ad esempio l’Inghilterra, questa soluzione ha già sviluppato 1,7 milioni di erogazioni.

Autore: Unione Nazionale Consumatori
Data: 24 marzo 2015

 

Vuoi commentare l'articolo? Usa questo spazio.

Usa questo spazio solo per i commenti. Per le richieste di assistenza invece vai qui.

xAvvertenza

* Campi obbligatori

I commenti esprimono il punto di vista e le opinioni del proprio autore e non quelle dei membri dello staff di consumatori.it e dei moderatori eccetto i commenti inseriti degli stessi. L'utente concorda di non inviare messaggi abusivi, osceni, diffamatori, di odio, minatori, sessuali o che possano in altro modo violare qualunque legge applicabile. Inserendo messaggi di questo tipo l'utente verrà immediatamente e permanentemente escluso. L'utente concorda che i moderatori di consumatori.it hanno il diritto di rimuovere, modificare, o chiudere argomenti qualora si ritenga necessario. La Redazione di consumatori.it invita ad un uso costruttivo dei commenti. I dati inseriti verranno trattati nel rispetto della normativa privacy in vigore.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

*

antonio

la cosa è interessante. vorei però sapere se la banca “può” o “è tenuta” ad accettare l’operazione.
Ringrazio e Saluto.

ventura_mario@virgilio.it

ventura_mario@virgilio.it pure io spero che facciano qualche cosa per potere lavorare e creare reddito alla famiglia per metterle nelle condizioni di pagare le relative tasse e torglre il peso di sostentamento allo stato se non si riaprono le banche e togliere guesta invasione estra comunitari che ci stanno portando alla rovina come si fa anon vedere tutto questo casino in italia socondo il mio povero vedere quando si mischiano le razze divenda una torre babele ogni razza tira fuori il suo vedere e non ci capiamo piu’ e la torre crolla lo letto nella bibia

dario

Penso sia difficile che le banche italiane, restie a concedere finanziamenti, possano recepire questa legge come, del resto, non hanno recepito molte altre. Con molte ipoteche in sofferenza o a rischio insolvenza la coperta è corta per cui, mi spiace per i relatori del PD, ma questa legge è perfettamente inutile!

antonio candeloro

il commento è da plaudire a chi ha promosso tale iniziativa tanto re vero che vorrei contribuire e partecipare alla finaleapplicazione della Legge appena approvata
prtsnto passo a richiedere ogni utile cooperazione di chi conosce l’impianto della legge e che ha partecipato al suo sviluppo

Faccio seguire a questa memoria la mia richiesta di contatto Grazie Antonio Candeloro.

messaggio-richiesta di contatto:
Egregi signori
sono un over 75 ed ho appartamento di proprietà e non ho pensione e vorrei ottenre il credito vitalizio over 65 di cui alla recente Legge approvata dalla camera e senato
vi prego di farmi avere il contatto con chi ha curato o partecipato alla promozione di tale legge onde poter contribuire alla promozione della stessa e quindi utilizzarla
grazie di ogni utile informazione e cordialmente vi saluto
Antonio Candeloro Tel 3482626905

antonio candeloro

Egregi signori
sono un over 75 ed ho due appartamenti di proprietà e non ho pensione e vorrei ottenre il credito vitalizio over 65 di cui alla recente Legge approvata dalla camera e senato
vi prego di farmi aver eil contatto di chi ha curato o partecipato alla promozione di takle legge onse poter contribuire alla promozione della stessa e quindi utilizzarla
grazie di ogni utile informazione e cordialmente vi saluto
Antonio Candeloro Tel 3482626905

daniele

Salve Signor Antonio,sono nelle sue …condizioni,e sono un poco pessimista,ha avuto qualche chiarimento in questo lasso di tempo?
Se e’così gentile da comunicarlo,sapremo eventualmente come muoverci….
La ringrazio anticipatamente
D.Daniele

Fabrizio Basevi

Come si fa ad ottenere un prestito vitalizio ipotecario in base alla normativa approvata dal Senato in data 19 marzo 2015 ?

Unione Nazionale Consumatori Autore articolo

Gent.mo Sig. Basevi, può semplicemente recarsi in Banca e farne richiesta. Le daranno un foglio informativo con le condizioni contrattuali che ci raccomandiamo di leggere, sempre. Consideri che le modifiche alla legge del 2005 sono recentissime: del 19 Marzo 2015. Non sappiamo quanto le banche si siano già organizzate per recepire queste modifiche.
Può provare a chiedere in filiale.

daniele

La sua risposta e’sin troppo semplice come se non sapesse che e’ l’ennesima presa per i fondelli,appare cio’che non e’
Posso assicurarle che nessuna banca si e’ organizzata,se diversamente dalla mia constatazione,lo comunichi pure agli….utenti.

Potrebbe interessarti anche...

Unione Nazionale Consumatori è membro di TUTTOCONSUMATORI CONSUMERS INTERNATIONAL CONSUMERS' FORUM

Unione Nazionale Consumatori è membro di:
TUTTOCONSUMATORI
CONSUMERS INTERNATIONAL
CONSUMERS' FORUM

© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma
© 2021 Unione Nazionale Consumatori - Via Duilio 13, Roma